• Sardegna: aperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto 2017 per “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti”.

    vgneti.2017Sardegna: aperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto per l’annualità  finanziaria 2017 per la Misura “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti”.

    La Regione ha approvato le modalità attuative della Misura Ristrutturazione e Riconversione dei Vigneti (RRV), nell'ambito del Programma Nazionale di Sostegno del Settore Vitivinicolo per la campagna 2016/2017.

    L'applicazione del regime è definita dal Decreto del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.
    RISORSE:€ 411.173,00.
    BENEFICIARI: gli imprenditori agricoli singoli o associati; le organizzazioni di produttori del settore viticolo; le cooperative agricole; le società di persone e di capitali esercitanti attività agricola.
    SPESE AMMISSIBILI: le attività e le spese sostenute dal beneficiario dopo la
    presentazione della domanda di aiuto.

    CONTRIBUTO: L'aiuto alla ristrutturazione e alla riconversione dei vigneti viene erogato nelle forme di:
    - Contributo forfettario e distinto per tipologia di azione ed intervento che non può superare a livello regionale 13.500 euro ad ettaro; il contributo è erogato in misura non superiore al 50%
    - Indennizzo per le perdite di reddito conseguenti alle azioni che comportano L'estirpazione di superfici vitate o il sovrainnesto; l'indennizzo per la perdita di reddito sarà corrisposto una sola volta fino ad un massimo di 3.000 euro ad ettaro ed integra il contributo ammesso; nel caso di vigneti ubicati in zone ad alta valenza ambientale e paesaggistica contributo nel limite del 50% dei costi effettivamente sostenuti fino al raggiungimento dell'importo medio pari a 22.000 euro/ettaro.

    DOMANDA: in via telematica entro il termine del 20 giugno 2016.

    Chiedi Informazioni

  • "Nuova Sabatini", a novembre ancora disponibili ancora il 48% dei fondi per contributi alle imprese per acquisto beni strumentali

    MISE.SABATINILo strumento agevolativo definito in breve “Beni strumentali – Nuova Sabatini”, istituito dal decreto-legge del Fare (art. 2 decreto-legge n. 69/2013), è finalizzato ad accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature. 

    Nel dettaglio, la misura prevede il seguente funzionamento:

    1. Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) ha costituito un plafond di risorse che le banche aderenti alle convenzioni MiSE-ABI-Cdp o le società di leasing, se in possesso di garanzia rilasciata da una banca aderente alle convenzioni, possono utilizzare per concedere alle PMI, fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti di importo compreso tra 20.000 e 2 milioni di Euro a fronte degli investimenti previsti dalla misura;
    2. Il MiSE concede un contributo in favore delle PMI, che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari di cui al punto 1, in relazione agli investimenti realizzati. Tale contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni;
    3. Le PMI hanno la possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, fino alla misura massima prevista dalla vigente normativa (80% dell’ammontare del finanziamento), sul finanziamento bancario, con priorità di accesso.

    Con la Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015) il plafond di Cdp, inizialmente pari a 2,5 miliardi di euro, è stato incrementato fino a 5 miliardi.

    Lo stanziamento di bilancio, relativo agli anni 2014-2021, per la corresponsione del contributo a parziale copertura degli interessi sui finanziamenti bancari (inizialmente pari a 191,5 milioni di euro) in base a quanto disposto dalla legge di stabilità 2015 è ora pari a 385,8 milioni di euro.

    Sulla base delle procedure definite nell’ambito degli strumenti attuativi della misura, la prenotazione delle risorse finanziarie per l’erogazione dei finanziamenti bancari alle PMI avviene con cadenza mensile e si attua con il coordinamento tra Cdp e Ministero. (per maggiori informazioni)

  • "Nuova Sabatini", novità in arrivo per le imprese che vogliono investire

    nuova sabatiniSono in arrivo da Invitalia, interessanti novità sulla "Nuova Sabatini", l'agevolazione valida in tutto il territorio nazionale che concede finanziamenti agevolati per gli investimenti delle imprese.

    Invitalia ha anticipato alcune interessanti novità che riguardano la “Nuova Sabatini”, l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese.
    La “Nuova Sabatini” (il cui 45% delle risorse – pari a 5miliardi di euro circa – è ancora disponibile e resterà attiva per tutto il 2016) concede alle pmi contributi che coprono parte degli interessi relativi agli investimenti realizzati per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature.
    I finanziamenti, di importo compreso tra 20mila e 2milioni di euro, possono essere assistiti dal Fondo di Garanzia per le PMI fino all’80% del loro valore.
    Il contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni. (per maggiori informazioni)
  • Agricoltura, agevolazioni per start up e giovani imprenditori, "Nuovo Insediamento in Agricoltura", pubblicato il Decreto, la misura ora diventa operativa.

    IsmeaNuovo Insediamento di giovani in Agricoltura, agevolazioni finanziarie in agricoltura per start up e giovani imprenditori

    Pubblicato in G.U. il decreto attuativo con i nuovi criteri di accesso ai finanziamenti a tasso zero per il ricambio generazionale in agricoltura  e sui requisiti per le nuove agevolazioni a progetti di sviluppo e di giovani imprenditori e start up in agricoltura.

    Si tratta delle concessione di agevolazioni finanziarie con l'obiettivo di sostenere i progetti di sviluppo e consolidamento aziendale nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nella fase di passaggio delle aziende tra vecchie a nuove generazioni.

    Beneficiari sono: a) microimprese e piccole e medie imprese in qualsiasi forma costituite che subentrino nella conduzione di un'intera azienda agricola, esercitante esclusivamente l'attività agricola da almeno due anni alla data di presentazione della domanda di agevolazione e che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento dell'azienda oggetto del subentro, attraverso iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; b) microimprese e piccole e medie imprese che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento di iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, attive da almeno due anni alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

    Le imprese individuali devono essere amministrate e condotte da un giovane di età compresa tra i 18 ed i 40 anni non compiuti alla data di spedizione della domanda, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto, mentre le società devono essere composte, per oltre la metà numerica dei soci e delle quote di partecipazione, ed amministrate, da giovani imprenditori agricoli di età compresa tra i 18 e i 40 anni non compiuti

    Gli incentivi previsti dal decreto consistono in mutui agevolati a tasso zero, della durata compresa tra cinque e dieci anni. L'importo dei finanziamenti non può essere superiore al 75% delle spese ammissibili, che possono arrivare fino a 1.500.000,00 di euro. Inoltre per le iniziative nel settore della produzione agricola primaria, la durata del mutuo agevolato può arrivare fino a quindici anni. (per maggiori informazioni)

  • Agricoltura, agevolazioni per start up e giovani imprenditori, "Nuovo Insediamento in Agricoltura", pubblicato il Decreto, la misura ora diventa operativa.

    ismea.2Nuovo Insediamento di giovani in Agricoltura, agevolazioni finanziarie in agricoltura per start up e giovani imprenditori.
    Pubblicato in G.U. il decreto attuativo con i nuovi criteri di accesso ai finanziamenti a tasso zero per il ricambio generazionale in agricoltura  e sui requisiti per le nuove agevolazioni a progetti di sviluppo e di giovani imprenditori e start up in agricoltura.
    Si tratta delle concessione di agevolazioni finanziarie con l'obiettivo di sostenere i progetti di sviluppo e consolidamento aziendale nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nella fase di passaggio delle aziende tra vecchie a nuove generazioni.
    Beneficiari sono: a) microimprese e piccole e medie imprese in qualsiasi forma costituite che subentrino nella conduzione di un'intera azienda agricola, esercitante esclusivamente l'attività agricola da almeno due anni alla data di presentazione della domanda di agevolazione e che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento dell'azienda oggetto del subentro, attraverso iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; b) microimprese e piccole e medie imprese che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento di iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, attive da almeno due anni alla data di presentazione della domanda di agevolazione.
    Le imprese individuali devono essere amministrate e condotte da un giovane di età compresa tra i 18 ed i 40 anni non compiuti alla data di spedizione della domanda, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto, mentre le società devono essere composte, per oltre la metà numerica dei soci e delle quote di partecipazione, ed amministrate, da giovani imprenditori agricoli di età compresa tra i 18 e i 40 anni non compiuti. 
    Gli incentivi previsti dal decreto consistono in mutui agevolati a tasso zero, della durata compresa tra cinque e dieci anni. L'importo dei finanziamenti non può essere superiore al 75% delle spese ammissibili, che possono arrivare fino a 1.500.000,00 di euro. Inoltre per le iniziative nel settore della produzione agricola primaria, la durata del mutuo agevolato può arrivare fino a quindici anni. (per maggiori informazioni)

  • Agricoltura, dalla Giunta 1 milione di euro per l'acquisto dei riproduttori bovini

    images/stories/psr-sardegna.2.gif Sardegna: Agricoltura, dalla Giunta 1 milione di euro per l'acquisto dei riproduttori bovini.  

     Beneficiari dell’aiuto sono gli allevatori singoli o associati che potranno acquistare i riproduttori, di età non superiore ai 5 anni, appartenenti a una delle seguenti razze: Charolais, Limousine, Piemontese, Chianina, Marchigiana,  Romagnola, Podolica, Maremmana, Pezzata rossa (linea carne), Sarda, Sardo-Modicana, Sardo-Bruna. 

    I riproduttori ammissibili devono essere iscritti nei Libri genealogici o nei Registri anagrafici di razza.

    L’aiuto è concesso una sola volta per riproduttore e non sono ammissibili riproduttori ceduti tra allevamenti contraddistinti con lo stesso codice di allevamento ASL.

    La soglia minima per accedere agli aiuti è pari a 5 UBA (Unità di bovino adulto) calcolati sui capi di qualunque categoria. Per i giovani agricoltori la soglia minima di accesso è pari a 4 UBA.

    L'Intensità dell’aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile per l’acquisto dei riproduttori, aumentata al 50% per i giovani agricoltori e per i beneficiari i cui allevamenti sono localizzati nelle zone montane e svantaggiate della Sardegna. 

    Qualora ricorrano entrambe le condizioni, giovane agricoltore e allevamento in zone montane e svantaggiate, l’intensità dell’aiuto sale al 60%. 
    La spesa massima ammissibile per l'acquisto dei riproduttori maschi e femmine, delle diverse categorie di razza sarà parametrata secondo i prezzi medi nazionali ISMEA. L'erogazione dei finanziamenti è affidata all'Agenzia regionale Argea, con l’eleggibilità delle spese che decorre dal 1 gennaio 2015.  (per maggiori informazioni)
  • Export, a giugno in Sardegna il forum per gli operatori del settore agroalimentare.Domande entro il 3 marzo.

    http://www.sardegnacontributi.it/images/stories/sardegna.sfirs.gifSardegna, Export, si terrà a giugno il forum per gli operatori del settore agroalimentare. Al via le iscrizioni on line.
    Il Forum sarà articolato in due giornate di incontri bilaterali tra aziende e buyer internazionali provenienti da Stati Uniti, Canada, Giappone, Belgio, Svezia, Norvegia, Inghilterra, Francia, Austria, Svizzera, Polonia e Germania.
    Il Forum per operatori esteri del settore agroalimentare in Sardegna si svolgerà nella prima decade di giugno su iniziativa dell’assessorato dell’Industria in collaborazione con l’Agenzia ICE, Istituto per il Commercio Estero.

    Le imprese dovranno appartenere ai comparti previsti nel progetto:
    vino, lattiero-caseario, olio, conserve, pasta, acque minerali, prodotti da forno, liquori, lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi, produzione di condimenti e spezie, produzione di birra, industria delle bibite analcoliche.

    Il Piano di Internazionalizzazione, che ha una dotazione finanziaria pari a 16 milioni di euro (12 milioni destinati, attraverso specifici bandi, a finanziamenti e aiuti a favore di piccole e medie imprese) prevede tra l'altro anche un Forum per le imprese del settore ICT, che si svolgerà a ottobre, e un Export Lab con un percorso formativo destinato alle imprese con l’obiettivo di accrescerne le capacità manageriali e la competitività sui mercati esteri. 

    Le aziende ammesse al Forum saranno 80, mentre i buyer internazionali saranno 30. 
    La chiusura delle iscrizioni è fissata per il 3 marzo. (per maggiori informazioni)

  • FONDI BEI PER LE IMPRESE: IN ARRIVO 1 MILIARDO DI EURO PER LE PMI ITALIANE

    FONDI.BEI.2017FONDI BEI PER LE IMPRESE: in arrivo 1 miliardo di euro per le pmi italiane con l'accordo fra la BEI e Intesa Sanpaolo per il finanziamento delle piccole e medie imprese.
    NUOVA LINEA DI CREDITO: si tratta di un accordo firmato a Milano dai rappresentanti delle due istituzioni, mediante il quale la banca dell’Unione europea mette a disposizione una linea di credito del valore complessivo di 500 milioni di euro e, allo stesso tempo, Intesa Sanpaolo si impegna a fornire per pari importo risorse proprie alle PMI beneficiarie, facendo così aumentare il plafond complessivamente a disposizione per il supporto del sistema economico italiano fino a un miliardo di euro.
    FINANZIAMENTI: I finanziamenti saranno erogati attraverso Mediocredito Italiano e sono rivolti alle imprese di minori dimensioni
    PROGETTI FINANZIABILI: sono finanziabili nuovi progetti e progetti in corso, non superiori a 25 milioni di euro, e con durata massima di 15 anni.
    PROGETTI AMMISSIBILI: oggetto dei prestiti saranno sia nuovi progetti sia quelli in corso non ancora ultimati di importo non superiore a 25 milioni e con durata massima di 15 anni.
    SETTORI AMMESSI : gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi.
    INTERVENTI AMMESSI: l’acquisto, la costruzione, l’ampliamento e la ristrutturazione di fabbricati; l’acquisto di impianti, attrezzature, automezzi o macchinari; le spese, gli oneri accessori e le immobilizzazioni immateriali collegate ai progetti, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione; la necessità permanente di capitale circolante legata all’attività operativa.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • FONDI EUROPEI: NUOVE OPPORTUNITA' DI FINANZIAMENTO AGEVOLATO PER LE IMPRESE OVUNQUE UBICATE IN ITALIA

      Sono in arrivo dalla Banca Europea nuovi apporti di liquidità alla Banche convenzionate per l'erogazione di finanziamenti a condizioni agevolate alle Imprese.

      In particolare vengono agevolati i progetti di crescita dell'impresa con capacità di innovare o rinnovare, creando valore aggiunto e sviluppo.
      Beneficiari dei fondi BEI sono le piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi, ovunque ubicate. 
      È possibile finanziare fino al 100% di progetti di finanziamento. Il capitale viene erogato in un’unica soluzione e rimborsato a rate mensili o trimestrali. Durata massima 10/12 anni.
      E' richiesto ultimo bilancio con utile e previsioni di crescita positive, inoltre il fatturato realizzato nell'ultimo esercizio deve essere uguale o superiore all'importo del finanziamento che si intende richiedere.

    Misura aperta. Procedura a sportello fino ad esaurimento fondi. (Clicca quì per maggiori informazioni)

  • FONDI EUROPEI: Nuovi stanziamenti per finanziamenti agevolati alle PMI in Sardegna

    fondi beiDalla Europea degli Investimenti sono stati stanziati nuovi apporti di liquidità alla Banche convenzionate per l'erogazione di finanziamenti a condizioni agevolate alle Piccole e Medie Imprese.

    In particolare vengono agevolati i progetti di crescita dell'impresa, con capacità di innovare o rinnovare, creando valore aggiunto e sviluppo.
    Beneficiari dei fondi BEI sono le piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi, ovunque ubicate. 
    È possibile accedere ad un finziamento agevlato anche fino al 100% di progetti di finanziamento, mediamente si finanzia il 80%. Il capitale finanziato viene erogato anticipatamente in un’unica soluzione e rimborsato a rate mensili o trimestrali. Durata massima 10/12 anni.
    E' richiesto ultimo bilancio non in perdita e con utile e previsioni di crescita positive, inoltre il fatturato realizzato nell'ultimo esercizio deve essere uguale o superiore all'importo del finanziamento che si intende richiedere. La Misura è aperta. Procedura a sportello fino ad esaurimento fondi
    (Clicca quì per maggiori informazioni)

  • Innovazione e competitività: dalla Regione Sardegna 725 milioni per le imprese sarde.229 milioni solo per il 2015.

    SARDEGNA.INNOVAZIONE.COMPETITIVITASardegna, Innovazione e competitività: dalla Giunta 725 milioni per le imprese sarde. 

    La Giunta investe sulla competitività delle imprese sarde per creare nuova occupazione e rilanciare l'economia e programma le risorse per quest'anno e i prossimi cinque: 725 milioni di euro fino al 2020, 229 milioni solo per il 2015. L'esecutivo ha infatti approvato la Strategia imprese e competitività all'interno della Programmazione.

    L'obiettivo è aiutare tutte le imprese, di tutti i settori e di tutte le dimensioni. Il primo punto è l'innovazione, che deve permeare l'intero sistema produttivo, perché cresca attraverso lo sviluppo tecnologico. Poi l'internazionalizzazione. Sono 5 gli obiettivi previsti dalla delibera: 

    1. Sviluppo tecnologico e innovazione - Ci sono 37 milioni nel 2015 e oltre 170 per tutto il periodo a disposizione per innovazione, ricerca industriale e sperimentale, promozione di start up innovative nel settore agricolo. 
    2. Internazionalizzazione e Attrazione investimenti: - Undici milioni e mezzo quest'anno e 23 nei prossimi. 
    3. Sostegno alle imprese e Reti di imprese - Dunque Progetti di filiera e sviluppo locale, pacchetti integrati di agevolazione e contratti di Investimenti, razionalizzazione del sistema dei Consorzi Fidi, strumenti di accesso al credito per le imprese agricole: 148 milioni nel 2015, 395 fino al 2020. 
    4. Turismo sostenibile - Valorizzazione degli attrattori ambientali e del patrimonio materiale e immateriale della Sardegna: 20 milioni quest'anno, 68 fino alla fine della programmazione. 
    5. Imprese Creative - Tredici milioni nel 2015 e 68 fino al 2020 per sviluppo e promozione dei servizi culturali e ricreativi, promozione della lettura, rafforzamento delle infrastrutture materiali e immateriali a supporto del sistema culturale.  (per maggiori informazioni)
  • Legge di stabilità: Credito d'imposta per gli investimenti al sud esteso anche alle imprese agricole

    images/stories/mipaaf.gifIl Credito d'imposta per gli investimenti al sud viene esteso anche alle imprese agricole. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che è stato approvato alla Camera dei deputati l'emendamento presentato dal Governo che prevede misure a sostegno dello sviluppo del Mezzogiorno, comprese nuove azioni per l'agricoltura.

    Il subemendamento, in particolare, estende il credito d'imposta anche al settore agricolo per l'acquisto di macchinari, impianti e attrezzature. 

    Con gli emendamenti alla legge di stabilità nelle aree del Mezzogiorno si estende il credito d'imposta per investimenti produttivi anche all'agricoltura e alla pesca, rafforzando così ancora di più gli interventi per il settore. (per maggiori informazioni)

  • Microcredito: continua con successo l'operativitò del microcredito per le PMI e professionisti. Fino a 25.000/35.000 euro da restituire in 7 anni senza garanzie.

    MICROCREDITO.250Continua con successo l'operatività, in tutto il territorio nazionale dell'intervento del Ministero dello Sviluppo Economico relativo alla concessione di microcredito mediante garanzie su finanziamenti a favore di PMI. 
    Si tratta di finanziamenti di 25.000, da restituire in 7 anni e aumentabili fino a 35.000 euro.

    Beneficiari sono tutte le imprese già costituite o i professionisti già titolari di partita IVA, in entrambi i casi da non più di 5 anni.  

    L'intervento del Fondo avviene mediante la concessione di una garanzia pubblica sulle operazioni di microcredito ed ha lo scopo di sostenere l'avvio e lo sviluppo della microimprenditorialità e delle professioni, favorendone l'accesso alle fonti finanziarie.

    La copertura della garanzia per tutte le operazioni di microcredito è quella massima prevista in base alla normativa in vigore: il Fondo interviene infatti fino all’80% dell’ammontare del finanziamento concesso.

    Chiedi Informazioni Chiedi Appuntamento

  • Microcredito: operativo il decreto per le PMI. Fino a 35.000 euro da restituire in 7 anni

    microcredito.200E' operativo in tutto il territorio nazionale l'intervento del Ministero dello Sviluppo Economico relativo alla concessione di garanzie su finanziamenti a favore di PMI. Si tratta di finanziamenti da restituire in 7 anni e fino a 35.000 euro.

    Beneficiari sono tutte le imprese già costituite o i professionisti già titolari di partita IVA, in entrambi i casi da non più di 5 anni.  L'intervento del Fondo avviene mediante la concessione di una garanzia pubblica sulle operazioni di microcredito ed ha lo scopo di sostenere l'avvio e lo sviluppo della microimprenditorialità e delle professioni, favorendone l'accesso alle fonti finanziarie. La copertura della garanzia per tutte le operazioni di microcredito è quella massima prevista in base alla normativa in vigore: il Fondo interviene infatti fino all’80% dell’ammontare del finanziamento concesso. (Clicca quì per maggiori informazioni)

  • Nuova Sabatini, al via nuove norme per fondi e tempi più veloci

    SABATINI.TERNuova Sabatini, al via nuove norme per fondi e tempi più veloci.
    Al via nuove norme in materia di agevolazioni per le piccole e medie imprese: sarà infatti pubblicato nei prossimi giorni sulla Gazzetta Ufficiale, probabilmente il 10 marzo, il decreto del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, firmato di concerto con il ministro dell’Economia PierCarlo Padoan, con il quale viene data attuazione alle modifiche apportate alla “Nuova Sabatini” dal decreto-legge varato dal Governo l’anno scorso.
    Le modifiche alla “Nuova Sabatini” prevedono che i contributi a favore delle PMI che acquistano beni strumentali possano essere concessi anche a fronte di finanziamenti erogati dalle banche e dalle società di leasing a valere su una provvista diversa dall’apposito plafond della CDP.
    Le banche e le società di leasing che si avvarranno di questa opportunità utilizzando la doppia provvista dovranno informare le aziende clienti che, a loro volta, potranno scegliere la tipologia di finanziamento che presenta le condizioni più favorevoli.
    Il decreto del ministro Guidi riduce anche i tempi di concessione dei contributi e introduce elementi di semplificazione delle procedure e della documentazione da produrre per la loro erogazione.
    Una successiva circolare ministeriale, già pronta, stabilirà, tenendo conto delle esigenze di adeguamento del sistema bancario, la data a partire dalla quale scatteranno le nuove procedure (verosimilmente dal 2 maggio prossimo). (per maggiori informazioni)

  • OCM VINO: pubblicate da Agea le modalità operative per l'accesso ai contributi 2018 alle imprese del settore vitivinicolo. Domande entro il 15 febbraio 2018.

    OCM VINO 2018OCM VINO AGEA: Agenzia per le erogazioni in agricoltura ha pubblicato le istruzioni operative n. 51 del 12 dicembre 2017.
    Si tratta delle istruzioni operative relative alle modalità e condizioni per l'accesso all'aiuto comunitario per la misura degli Investimenti - campagna 2017/2018 - regolamento delegato (UE) 2016/1149 e regolamento di esecuzione (UE) 2016/1150, a cui le singole regioni dovranno attenersi per la predisposizione del bando.
    BENEFICIARI: l’aiuto finanziario è concesso ai soggetti che, alla data di presentazione della domanda, siano titolari di partita IVA e che siano iscritti al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, ed abbiano costituito nel Sian un “Fascicolo aziendale” attivo.
    Possono accedere all’aiuto, le microimprese, le piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTO: il contributo erogabile è disposto nel massimo del 40% della spesa effettivamente sostenuta. Nelle Regioni in cui si applica l’obiettivo convergenza, il contributo erogabile può essere disposto nel massimo del 50% della spesa effettivamente sostenuta.
    ATTIVITA' AMMESSE: beneficiano dell’aiuto le imprese la cui attività sia almeno una delle seguenti:
    a) la produzione di mosto di uve ottenuto dalla trasformazione di uve fresche da esse stesse ottenute, acquistate, o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;
    b) la produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve da esse stesse ottenuti, acquistati o conferiti dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;
    c) l’elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino conferito dai soci, e/o acquistato anche ai fini della sua commercializzazione.
    d) la produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori qualora la domanda sia rivolta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.
    DOMANDE: entro il 15 febbraio 2018.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • Pubblicato il Bando per le Agevolazioni per l'insediamento di giovani in Agricoltura. Domande dal 11 aprile al 10 giugno 2016

    ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250Pubblicato il Bando per le "Agevolazioni per l'insediamento di Giovani in agricoltura".

    Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana V Serie Speciale n. 40 dell'8 aprile 2016 è stato pubblicato l'avviso di Bando per l'insediamento di giovani in agricoltura, in versione integrale.

    Le domande di partecipazione potranno essere presentate a partire dalle ore 10.00 del giorno 11 aprile 2016, data di apertura dello sportello telematico, fino alle ore 12.00 del giorno 10 giugno 2016, con le modalità indicate nel Bando.

    Chiedi Informazioni Chiedi Appuntamento

  • Regione Sardegna e Sfirs, approvati quattro nuovi strumenti anti-crisi per rilanciare l'economia della Sardegna

    SFIRS.FONDO.PATRIMONIALIZZAZIONE.200Regione Sardegna e Sfirs, definiti quattro nuovi strumenti anti-crisi per rilanciare l'economia della Sardegna:

    "FONDO PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE", "MINIBOND", "CAMBIALI FINANZIARIE" e "OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI".

    Questi nuovi strumenti dovrebbero consentire alle imprese piccole e medie di raccogliere nuove risorse finanziarie, diversificando così le proprie fonti di finanziamento a titolo di debito. La Regione, in collaborazione con SFIRS, mette in campo una combinazione di nuovi strumenti finanziari con l'obiettivo di far arrivare alle imprese nuova liquidità proveniente dal mercato, meno dipendente dalle banche e con garanzia pubblica.

    Nel pacchetto ci sono il nuovo Fondo Investimenti per la patrimonializzazione delle Imprese gestito dalla SFIRS e altre tre nuove misure inserite nel più grande Fondo regionale di Garanzia per le imprese, anch’esso gestito dalla Finanziaria regionale:i minibond, le cambiali finanziarie, le obbligazioni convertibili.

    Per rendere possibile l'operazione, la prima del genere in Italia con un progetto pilota, la Giunta a fine gennaio aveva istituito un Fondo rischi da 25 milioni di euro, finanziato dalla Sfirs, per contribuire ad accrescere la competitività delle aziende interessate.

    I settori prioritari di intervento saranno agroindustria, turismo, energia sostenibile, logistica e trasporti, biomateriali.

    I finanziamenti dovranno essere restituiti a tassi di mercato in tempi molto lunghi, fino a dieci anni, e saranno integrati da cofinanziamenti di mercato. (Clicca quì per maggiori informazioni)

  • Sardegna, Agricoltura: contributi fino al 70% per gli investimenti delle aziende agricole, PSR misura 4.1. Domande dal 28 novembre 2016 al 16 gennaio 2017.

    SARDEGNA.PSR.MISURA.4.1PSR SARDEGNA MISURA 4.1: aiuti agli investimenti delle aziende agricole.
    CONTRIBUTI: fino al 70% degli investimenti materiali e immateriali tesi al miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globale dell'azienda e al rispetto della normativa.
    FINALITA': incoraggiare la ristrutturazione delle aziende agricole con problemi strutturali considerevoli, in particolare di quelle che detengono una quota di mercato esigua, delle aziende orientate al mercato in particolari settori e delle aziende che richiedono una diversificazione dell'attività.
    BENEFICIARI: I beneficiari della sottomisura 4.1 sono le imprese agricole singole o associate in possesso dei seguenti requisiti: - essere iscritta nel registro delle imprese della C.C.I.A.A.; - essere iscritta all’Anagrafe delle aziende agricole.
    - avere una dimensione economica aziendale uguale o superiore ad una soglia minima di 15.000 euro calcolata in termini di PST (Produzione Standard Totale).
    PROGETTI FINANZIABILI:
    Sono ammessi investimenti che: - migliorano le prestazioni e la sostenibilità globale dell’azienda agricola; - rispettano la pertinente legislazione comunitaria e nazionale.
    BUSINESS PLAN: tali condizioni dovranno essere dimostrate in un business plan, il quale deve altresì dimostrare la sostenibilità economica dell’intero intervento.
    INVESTIMENTO MASSIMO: il volume massimo di investimento per azienda (IVA esclusa, ma con spese generali), è fissato in € 1.200.000,00 per l’intera durata del PSR. Il volume massimo di investimento per progetto non può superare 12 volte la Produzione Standard Totale (PST) dell’azienda.
    CONTRIBUTO:
    Un contributo in conto capitale del 40% degli investimenti riconosciuti ammissibili per le aziende ricadenti in zone non svantaggiate e nella misura del 60% per quelle ricadenti in zone con svantaggi natural.
    Per i giovani agricoltori le percentuali di aiuto possono raggiungere il 50% ed il 70%.La restante parte, sarà a totale carico dei beneficiari.
    CONTRIBUTO MASSIMO: il contributo per singolo progetto non può essere comunque superiore a € 500.000,00.

    DOMANDE: dal 28 novembre 2016 al 16 gennaio 2017

    Chiedi Informazioni

  • Sardegna, contributi in conto interessi alle Pmi per finanziamenti.

    sardegna finanziamenti agricolturaSARDEGNA: l’Assessorato dell’Agricoltura informa gli istituti di credito che ha destinato la somma 2.500.000 euro alla concessione di aiuti in conto interessi alle Pmi, condotte da imprenditori agricoli attive nel settore della produzione agricola primaria, aventi sede operativa in Sardegna, per operazioni di credito a breve termine di durata fino a 12 mesi e ha approvato il Disciplinare di attuazione dell’intervento.
    DE MINIMIS :L'aiuto regionale è concesso sotto forma di aiuto de minimis, consiste nell’abbattimento totale del tasso annuo effettivo globale (Taeg) applicato all’operazione di credito.
    BENEFICIARI:le PMI condotte da imprenditori agricoli attive nel settore della produzione agricola primaria aventi sede operativa in Sardegna, e che abbiano sede operativa in Sardegna e una dimensione economica di almeno 15.000 euro, ovvero 8.000 euro se ricadenti nelle zone montane o in zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici, calcolata sulla base delle produzioni standard; che siano iscritte nel registro delle imprese della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura; che siano iscritte all'Anagrafe regionale delle imprese agricole; che sottoscrivano le dichiarazioni per la concessione di aiuti in “de minimis”. Gli imprenditori agricoli devono essere iscritti alla gestione previdenziale agricola INPS in qualità di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo professionale (IAP).
    SPESE AMMISSIBILI:sono ammissibili all’agevolazione le operazioni di credito a breve termine di durata fino a 12 mesi contratti dalle PMI per le spese che l’imprenditore sostiene nella conduzione dell’azienda e che anticipa per la realizzazione dei prodotti agricoli o zootecnici, nonché per l'utilizzazione, la manipolazione e la trasformazione dei prodotti stessi.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • Sardegna, Flexicurity, modificato l'avviso per la realizzazione di percorsi formativi mirati al reinserimento occupazionale e al rafforzamento dell'occupabilità dei lavoratori

    FLEXICURITYSardegna, Flexicurity, introdotte alcune modifiche e integrazioni all'avviso per la realizzazione di percorsi formativi. 
    Ricordiamo che si tratta del Bando per la realizzazione di percorsi formativi mirati al reinserimento occupazionale dei disoccupati e al rafforzamento dell’occupabilità dei lavoratori.
    Le modifiche e le integrazioni apportate riguardano in particolare gli interventi formativi che dovranno avere le seguenti caratteristiche: interventi destinati a un gruppo classe di numerosità compresa tra un minimo di 5 un massimo di 15 destinatari; durata minima pari a 90 ore e durata massima pari a 1.000 ore; realizzazione entro un periodo di tempo complessivo non superiore a 12 mesi continuativi; durata di ciascuna giornata formativa non inferiore a 4 ore.
    Ricordiamo che l bando riguarda la realizzazione di interventi formativi specifici, individuati sulla base delle informazioni disponibili sui fabbisogni professionali del tessuto produttivo. 
    In particolare i servizi a sostegno del (re)inserimento dei destinatari nel mercato del lavoro sono stati realizzati attraverso due principali tipologie di interventi formativi:
    - Linea 1, le proposte progettuali potranno essere presentate a partire dal 15/02/2016 fino ad esaurimento delle risorse di cui all’Art. 4;
    - Linea 2, le proposte progettuali potranno essere presentate a partire dal 01/03/2016 ed entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 15.03.2016.(per maggiori informazioni)

  • Sardegna, parte il progetto "Terra ai Giovani": 700 ettari di terre incolte regionali agli under 40

    AGRICOLTURASardegna, "Terra ai Giovani" è un progetto elaborato dall’assessorato dell’Agricoltura, in collaborazione con la presidenza della Giunta regionale e l’assessorato degli Enti locali, per favorire il ricambio generazionale e la crescita del comparto agricolo.

    Si tratta di 695 ettari di terre incolte di proprietà della Regione Autonoma della Sardegna che saranno messe a bando in 11 lotti e concesse in affitto agevolato per 10 anni, eventualmente rinnovabili per un altro decennio.

    Otto i territori interessati dalla delibera approvata oggi in seduta di Giunta: Sassari, Alghero, Serramanna, Villasor, Vallermosa, Ussana, Donori e San Vito.

    Chiedi Informazioni Chiedi Appuntamento

  • Sardegna, PSR: Firmato decreto pubblicazione bandi per "Pacchetto giovani" del Programma di sviluppo rurale (Psr).Agricoltura. Domande dal 10 novembre 2016.

    SARDEGNA.PSRSARDEGNA, PSR: firmato il decreto per la pubblicazione delle sottomisure 4.1, 4.2, 6.1 e "Pacchetto giovani" del Programma di sviluppo rurale (Psr).Agricoltura.

    Un primo slittamento dei termini a fine settembre era stato richiesto da partenariato e consiglieri regionali per approntare al meglio i progetti e preparare la cantierabilità.
    ECCO LE DATE PREVISTE DI PUBBLICAZIONE DEI BANDI:
    - 7 NOVEMBRE 2016: i bandi relativi alle sottomisure per il sostegno agli investimenti nelle aziende agricole (4.1) verranno pubblicati entro il 7 novembre.
    - 14 NOVEMBRE 2016: quelli relativi ai Bandi destinati al sostegno della trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli (4.2) entro il 14 novembre.
    - 21 novembre 2017: per gli aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali dei giovani agricoltori (6.1 e “Pacchetto giovani”) i bandi verranno pubblicati entro il 21 novembre.
    DOMANDE: Pochi giorni dopo decorreranno rispettivamente i termini per la presentazione delle domande:
    dal 10 novembre per la 4.1, dal 17 novembre per la 4.2 e dal 23 novembre per le restanti sottomisure.
    I BANDI: erano già predisposti per l'avvio già dal mese luglio ma si è preferito accogliere le richieste di slittamento della presentazione delle domande provenienti da più parti.
    Nel frattempo si è ottenuto il via libera da Bruxelles per apportare alcune modifiche strategiche al PSR sostenute più volte dal partenariato. Le tempistiche previste dal decreto consentiranno l'uscita dei bandi modificati in modo da garantire migliori condizioni di accesso, più favorevoli a tutti i possibili beneficiari.

    Chiedi Informazioni

  • Sardegna, Startup Battle del Clhub: in palio 15.000 euro. Domande entro il 20 marzo.

    START.UP.BATTLE 2Startup Battle del Clhub: in palio 15.000 euro. 

    Il Clhub lancia la Startup Battle, la gara per startup che si svolgerà l'8 aprile 2016 nel Planetario di Cagliari, in Piazza L'Unione Sarda.

    Le startup ammesse alla competizione si sfideranno davanti a una giuria di esperti nazionali e internazionali.
    Il vincitore si aggiudicherà un premio di 15.000 euro (10.000 euro in denaro e 5.000 euro in servizi) che potrà utilizzare per sviluppare la propria idea di business presso il Clhub. 

    Tra i servizi sono previsti: - accesso agli spazi dell'incubatore; - mentorship per lo sviluppo del progetto; - costante formazione e partecipazione a eventi; - iniziative di networking. 
    Per partecipare è necessario compilare entro il 20 marzo 2016 il modulo online. 
    (per maggiori informazioni)

  • Sardegna, Zootecnia, contributi agli allevatori per l’acquisto di ovini soggetti maschi riproduttori. Domande fino al 29 dicembre 2017.

    Sardegna.ArgeaSardegna, Zootecnia,lotta alla scrapia, contributi agli allevatori per l’acquisto di ovini soggetti maschi riproduttori,

    Argea Sardegna, aperti i termini per la presentazione delle domande di indennizzo finalizzate al riconoscimento degli aiuti per l’acquisto di soggetti maschi riproduttori, di genotipo ARR/ARR, iscritti al Libro genealogico degli ovini di razza Sarda e al registro anagrafico della razza Pecora Nera di Arbus, al fine di aumentare la resistenza degli ovini alla “scrapie”. 

    Beneficiari gli allevatori (singoli o associati) iscritti nel registro delle imprese alla della C.C.I.A.A., all’Anagrafe regionale delle imprese agricole e alla Banca Dati Nazionale Ovini. Alla data di presentazione della domanda il capo o i capi acquistati dovranno risultare iscritti alla BDN nel fascicolo relativo all’azienda acquirente.

    L’intensità di aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile, aumentabile del 10% per i giovani imprenditori e le aziende situate in zone montane o svantaggiateL’aiuto regionale verrà essere erogato sotto forma di contributi in “de minimis” e l’erogazione degli aiuti avverrà secondo la registrazione cronologico-protocollare delle domande previa verifica dei requisiti di ammissibilità.

    Domande fino al 29 dicembre 2017. 

    Chiedi Informazioni Chiedi Appuntamento

  • Sardegna: Agricoltura, sospesi i bandi sottomisure 4.1, 4.2, 6.1 Psr

    SARDEGNA.PSRSardegna:Agricoltura, sospesi i bandi sottomisure 4.1, 4.2, 6.1 Psr.
    Sospensione apertura bandi riguardanti le sottomisure del 4.1, 4.2 ,6.1 e Pacchetto giovani per l’annualità 2016 del Programma di sviluppo rurale 2014/2020.

    L’Assessorato regionale dell’Agricoltura ha sospeso, con decreto, l’apertura dei bandi riguardanti le sottomisure del 4.1, 4.2 ,6.1 e Pacchetto giovani per l’annualità 2016 del Programma di sviluppo rurale 2014/2020.

    In particolare, le sottomisure riguardano:
    - sottomisura 4.2 – sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli;
    - sottomisura 4.1 – sostegno a investimenti nelle aziende agricole;
    - sottomisura 6.1 – aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori modalità semplice (non attuata nell’ambito del pacchetto giovani);
    - sottomisura 6.1 – aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori– Pacchetto giovani.

    La sospensione si è resa necessaria per consentire di recepire e rendere immediatamente operative le imminenti modifiche al Programma di sviluppo rurale. Il nuovo periodo per la presentazione delle domande verrà stabilito nel successivo decreto con il quale verranno adeguate le direttive di attuazione.

    Chiedi Informazioni

  • Sardegna: agricoltura biologica, approvato il Bando per i premi agli agricoltori. Domande fino al 16 maggio 2016

    SARDEGNA.PSR.MISURA.111 112Aiuti agli agricoltori per agricoltura biologica. La Regione Sardegna ha disposto l'apertura dei termini per la presentazione delle domande di sostegno/pagamento per l’annualità 2016 per la Misura 11 Agricoltura biologica: sottomisure 11.1 e 11.2. La Misura Agricoltura biologica ha la finalità di supportare gli agricoltori che producono secondo il metodo di produzione biologica, attraverso l’adesione ad una delle specifiche sottomisure:11.1 Pagamento al fine di adottare pratiche e metodi di produzione biologica;- 11.2 Pagamento al fine di mantenere pratiche e metodi di produzione biologica.
    La Misura 11 si applica all’intero territorio della Regione Sardegna.
    Beneficiari: possono accedere al sostegno gli agricoltori singoli o associati che possiedono il requisito di agricoltore in attività.

    Il sostegno è concesso sotto forma di pagamento annuale per ettaro di superficie agricola ammissibile.

    Le domande devono essere presentate in via telematica entro il 16 maggio 2016.>

    Chiedi Informazioni Chiedi Appuntamento

  • SARDEGNA: Agricoltura, modificato il bando "Pacchetto giovani".

    sardegna psr sottomisura 6.1 aiuti giovani agricoltori modalità sempliceSARDEGNA: modificato dall’Assessorato regionale dell’Agricoltura il bando riguardante l’attuazione della sottomisura 6.1 del Programma di sviluppo rurale "Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori" per l’ammissione ai finanziamenti previsti dal "Pacchetto giovani".
    La sottomisura è finalizzata a promuovere il ricambio generazionale e a tal fine sostiene, attraverso un premio forfettario di insediamento, l’avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano per la prima volta nell’azienda agricola in qualità di capo azienda.
    LE DOMANDE DI SOSTEGNO per entrambi gli interventi potranno essere presentate mediate procedura on-linea partire dal 15/03/2017 fino al 14/04/2017.
    SARDEGNA PSR MISURA 6.1: Aiuti all'avviamento di imprese agricole per i giovani agricoltori. Premio forfettario pari a € 35.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore.  
    FINALITA': Sostenere il ricambio generazionale attraverso un premio forfettario di insediamento per l’avvio dinuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano in qualità di capo azienda.
    BENEFICIARI: Giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.
    REQUISITI: -Età compresa tra 18 anni compiuti e 41 anni non ancora compiuti; -Possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate; In mancanza del requisito di possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate, viene accordato un periodo di proroga fino a 36 mesi; In tale periodo la conoscenza e la competenza professionale può essere conseguita attraverso l’acquisizione di titoli congrui; -Insediamento per la prima volta in azienda in qualità di capo (i.e. titolare, amministratore).
    REQUISITI OGGETTIVI: -Dimensione economica dell’azienda compresa tra 15.000 e 200.000 euro; -Presentazione di un business plan;
    CONTRIBUTO: Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario pari a € 35.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore.
    SPESE AMMISSIBILI: Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario per l’avviamento dell’impresa, pertanto non è prevista la rendicontazione del premio
    PROCEDURA: Valutativa con procedimento a sportello.
    DOTAZIONE FINANZIARIA: Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a € 20.020.000.
    DOMANDE: dal 15/03/2017 fino al 14/04/2017.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • Sardegna: aiuti in conto interessi alle Pmi per operazioni di credito a breve termine. Scadenza 31/12/2017.

    SARDEGNA CREDITO A BREVE ALLE IMPRESE AGRICOLESARDEGNA: Deliberati aiuti in conto interessi alle PMI per operazioni di credito a breve termine di durata fino a 12 mesi.
    L’Agenzia Argea ha adottato l’avviso per l’ammissione per gli aiuti ai sensi del “Fondo per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli”.
    FINALITÀ: Le risorse assegnate al fondo sono destinate agli aiuti in conto interessi alle PMI condotte da imprenditori agricoli di cui all’art. 2135 del c.c. aventi sede in Sardegna per operazioni di credito a breve termine di durata fino a 12 mesi.
    BENEFICIARI:le PMI condotte da imprenditori agricoli così come definiti dall’art. 2135 del codice civile, attive nel settore della produzione agricola primaria aventi sede operativa in Sardegna e in possesso dei requisiti di ammissibilità.
    CONTRIBUTO: l'aiuto regionale consiste nell’abbattimento totale del tasso annuo effettivo globale applicato all’operazione di credito a breve termine di durata fino a 12 mesi.DOMANDA: a partire dalle ore 12.00 del 4 aprile 2017 e fino all’esaurimento dei fondi disponibili, esclusivamente on-line.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONI PULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2 CHIEDI DOCUMENTAZIONE UFFICIALE
  • Sardegna: Bando per la selezione dei Gruppi di Azione Locale (GAL) e delle strategie locali di tipo partecipativo, scadenza 31 marzo 3016

     Sardegna pubblicato dall’Assessorato dell’Agricoltura e riforma agro-pastorale il bando per la selezione dei GAL e delle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo.

     L’obiettivo generale dell’operazione è la realizzazione di strategie locali atte a migliorare l’implementazione delle politiche a favore delle aree rurali.

     in particolare, di quelle che si stanno spopolando; promuovere una maggiore qualità della progettazione locale; promuovere la partecipazione delle comunità locali ai processi di sviluppo, contribuendo a rafforzare il dialogo tra società civile e istituzioni locali; promuovere il coordinamento tra politiche, strumenti di governance e procedure per accedere ai finanziamenti comunitari. 

    Possono partecipare i Gruppi di azione locale già costituiti e i partenariati che intendano costituirsi in GAL

    L'intervento sostiene, in particolare, le attività strettamente correlate alla costituzione dei partenariati ed alla definizione della strategia di sviluppo locale, anche in funzione delle possibili azioni per il miglioramento delle capacità degli attori locali pubblici e non pubblici nello svolgimento del loro ruolo nel leader, con attenzione allo sviluppo delle capacità, alla formazione, all’animazione ed alla messa in rete.  

    La spesa ammissibile è finanziabile entro il limite massimo di 50.000 euro per ciascun soggetto richiedente.

    Il livello di aiuto è pari al 100% della spesa ammissibile. Per l’accesso alla prima fase, le domande dovranno essere inviate sul sistema di gestione dell’OP AGEA, entro il 31 marzo 2016.  (per maggiori informazioni)

  • Sardegna: Contributi alle cooperative sociali, domande dal 2 gennaio

    La Regione Sardegna tramite l’Assessorato regionale del Lavoro informa che, a partire dal 2 gennaio 2016, potranno essere presentate le domande di contributo in conto occupazione alle cooperative sociali iscritte nella sezione B dell'albo regionale delle cooperative sociali ed ai loro consorzi. 

    La Regione concede contributi in conto occupazione alle cooperative sociali iscritte nella sezione B dell'albo regionale delle cooperative sociali ed ai loro consorzi. 

    Il contributo è concesso per ciascun socio lavoratore assunto a tempo indeterminato o a tempo determinato nella misura massima del 50 per cento della retribuzione prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria. Tale misura è elevata fino all'80 per cento per ciascun socio appartenente alle categorie delle persone svantaggiate. 
    Il contributo è erogato, compatibilmente con la disponibilità di bilancio, per un periodo non superiore a 24 mesi, con cadenza annuale posticipata, e non è cumulabile con analoghi contributi previsti dalle leggi nazionali e regionali. La procedura "a sportello" terrà conto dell’ordine di invio delle domande. Il contributo verrà erogato fino ad esaurimento delle risorse disponibili.  Domande dal 2 gennaio 2016. (per maggiori informazioni)

  • SARDEGNA: OPERATIVO IL FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIAZIONE DELLE IMPRESE

    SFIRS.FONDO.PATRIMONIALIZZAZIONE.200La Regione Sardegna, tramite la Sfirs con il Fondo Investimenti per la Patrimonializzazione delle Imprese (FIPI) si pone l'obiettivo di aumentare il livello di capitalizzazione delle imprese con interventi a sostegno dei piani di sviluppo aziendale presentati da società di capitali (anche costituite sotto forma di cooperative).
    Beneficiari sono le società di capitali, anche in forma cooperativa, operanti in Sardegna che siano sane dal punto di vista operativo ed economico.
    Gli interventi di patrimonializzazione potranno essere attuati mediante leasing finanziario di azioni o quote, prestito partecipativo, sottoscrizione di azioni o quote. 
    Gli interventi del Fondo avranno una dimensione non inferiore a €.100.000 e non superiore ad €. 2.500.000.(Clicca quì per maggiori informazioni)

  • Sardegna: Programma nazionale di sostegno nel settore del vino (PNSV) "Promozione del vino nei mercati terzi" 2017

    SARDEGNA.VINO.2017Sardegna: Aiuti per la promozione del vino sui mercati dei paesi terzi.
    L'Assessorato dell'Agricoltura ha aperto i termini per la presentazione delle domande di aiuto destinate, per l'annualità 2017, al finanziamento di progetti regionali e multiregionali per la promozione del vino sui mercati dei paesi terzi.
    PRODOTTI AMMESSI: l'intervento, incluso nel programma di sostegno nazionale nel settore del vino, prevede la promozione di tutte le categorie di vini a denominazione di origine protetta, a indicazione geografica protetta e con indicazione della varietà di uva da vino, purché destinati al consumo umano diretto.
    BENEFICIARI: le organizzazioni professionali, purché abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli; le organizzazioni interprofessionali; le organizzazioni di produttori; i consorzi di tutela, autorizzati e loro associazioni e federazioni; i produttori di vino; i soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli; le associazioni, anche temporanee di impresa e di scopo tra i soggetti indicati precedentemente; i consorzi e le associazioni che abbiano fra i propri scopi statutari la promozione di prodotti agroalimentari, le società cooperative che non rientrino nelle definizioni di cui alle lettere precedenti, a condizione che tutti i partecipanti al progetto di promozione rientrino nella definizione di produttore di vino; le reti di impresa.
    CONTRIBUTO: 50% delle spese sostenute. Il restante 50% è a carico del beneficiario, che non può usufruire di altri aiuti pubblici. Il sostegno comunitario è integrato con fondi regionali, con un ulteriore importo fino ad un massimo del 30% dell’importo richiesto, con una intensità di aiuto fino al massimo, al 80% delle spese sostenute, di cui il 50% a valere sui fondi comunitari assegnati alla regione e fino a un massimo del 30% a valere sui fondi regionali . La restante parte è a carico del beneficiario, che non può usufruire di altri aiuti pubblici. Tale integrazione è possibile solo per i beneficiari che presentano la domanda di aiuto per progetti che contengono azioni di promozione di marchi collettivi (vino DOCG, DOC e IGT).
    DOMANDE: - 5 luglio 2016 in caso di progetti multiregionali con la regione Sardegna capofila; - 11 luglio 2016 in caso di progetti regionali.

    Chiedi Informazioni

  • SARDEGNA: PSR SOTTOMISURA 4.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori. Domande dal 31 gennaio 2017.

    sardegna psr sottomisura 4.1 e 6.1 SARDEGNA: PSR SOTTOMISURA 4.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori.
    SOVVENZIONI fino al 70% per l'avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano in qualità di capo azienda - pacchetto giovani.
    FINALITA': sostenere il ricambio generazionale attraverso un premio forfettario di insediamento per l’avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano in qualità di capo azienda.
    CON IL BANDO “PACCHETTO GIOVANI”: si interviene secondo una logica di progettazione integrata che consente di ottenere un premio per l’avviamento dell’attività agricola e dei contributi agli investimenti attraverso l’attivazione obbligatoria della Sottomisura 4.1 “Sostegno agli investimenti alle aziende agricole”.
    BENEFICIARI: Giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda e che presentano un piano di investimenti per il miglioramento strutturale dell’azienda.
    REQUISITI SOGGETTIVI: -a. Età compresa tra 18 anni compiuti e 41 anni non ancora compiuti;
    -b. Possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate; In mancanza del requisito di possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate, viene accordato un periodo di proroga fino a 36 mesi. In tale periodo la conoscenza e la competenza professionale può essere conseguita attraverso l’acquisizione di titoli congrui. -c. Insediamento per la prima volta in azienda in qualità di capo (i.e. titolare, amministratore).
    PROGETTI FINANZIABILI: Il sostegno è concesso:
    - ai sensi della sottomisura 6.1, sotto forma di premio forfettario pari a € 50.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore;
    - ai sensi della sottomisura 4.1, sottoforma di contributo in conto capitale per la realizzazione degli interventi di miglioramento aziendale.
    CONTRIBUTO: in conto capitale nella percentuale del 50% degli investimenti riconosciuti ammissibili per le aziende ricadenti in zone non svantaggiate e del 70% per quelle ricadenti in zone con svantaggi naturali. L’INVESTIMENTO MASSIMO AMMISSIBILE: per azienda è fissato in € 1.200.000 per l’intera durata del PSR.
    Il volume di investimento per progetto non può superare 12 volte la Produzione Standard Totale (PST) dell’azienda.
    IL CONTRIBUTO PER SINGOLO PROGETTO non può essere comunque superiore a € 500.000.
    DOMANDA: La presentazione delle domande potrà avvenire dal 31 gennaio 2017 al 28 febbraio 2017.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • SARDEGNA: RIAPRONO I BANDI DELLA SOTTOMISURA 6.1 E DEL "PACCHETTO GIOVANI

    sardegna psr sottomisura 6.1 aiuti giovani agricoltori modalità semplice

    SARDEGNA: riaprono i bandi della sottomisura 6.1 e del "pacchetto giovani. L’Assessorato dell’agricoltura e riforma agro-pastorale informa che, con decreto n. 395/DecA/8 del 20.02.2017, ha ridefinito il periodo di apertura dei bandi della sottomisura 6.1, “Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori”, e del “Pacchetto giovani”.
    LE DOMANDE DI SOSTEGNO per entrambi gli interventi potranno essere presentate mediate procedura on-linea partire dal 15/03/2017 fino al 14/04/2017.
    SARDEGNA PSR MISURA 6.1: Aiuti all'avviamento di imprese agricole per i giovani agricoltori. Premio forfettario pari a € 35.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore.  
    FINALITA': Sostenere il ricambio generazionale attraverso un premio forfettario di insediamento per l’avvio dinuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano in qualità di capo azienda.
    BENEFICIARI: Giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.
    REQUISITI: -Età compresa tra 18 anni compiuti e 41 anni non ancora compiuti; -Possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate; In mancanza del requisito di possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate, viene accordato un periodo di proroga fino a 36 mesi; In tale periodo la conoscenza e la competenza professionale può essere conseguita attraverso l’acquisizione di titoli congrui; -Insediamento per la prima volta in azienda in qualità di capo (i.e. titolare, amministratore).
    REQUISITI OGGETTIVI: -Dimensione economica dell’azienda compresa tra 15.000 e 200.000 euro; -Presentazione di un business plan;
    CONTRIBUTO: Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario pari a € 35.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore.
    SPESE AMMISSIBILI: Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario per l’avviamento dell’impresa, pertanto non è prevista la rendicontazione del premio
    PROCEDURA: Valutativa con procedimento a sportello.
    DOTAZIONE FINANZIARIA: Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a € 20.020.000.
    DOMANDE: dal 15/03/2017 fino al 14/04/2017.

    PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONIPULSANTE.CHIEDI.APPUNTAMENTO 2

  • Sardegna: sostegno ai giovani agricoltori, nuovi bandi regionali. Domande a partire dal 16 gennaio 2017.

    SARDEGNA.PSR.misura 6.1SARDEGNA: sostegno ai giovani agricoltori, nuovi bandi regionali.
    L’assessorato regionale dell’Agricoltura ha pubblicato due bandi per l’attuazione della sottomisura 6.1 del Psr, che promuove il ricambio generazionale e sostiene, attraverso un premio forfettario di insediamento, l’avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che assumono per la prima volta il ruolo di capo aziendale all'interno di un'attività agricola..
    LA SOTTOMISURA 6.1 prevede "Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori", per l’ammissione ai finanziamenti previsti dal "Pacchetto giovani", e "Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori" non attuata nell’ambito del "Pacchetto giovani".
    FINALITA': sostenere il ricambio generazionale attraverso un premio forfettario di insediamento per l’avvio di nuove imprese gestite da giovani agricoltori che si insediano in qualità di capo azienda.
    CON IL BANDO “PACCHETTO GIOVANI”: si interviene secondo una logica di progettazione integrata che consente di ottenere un premio per l’avviamento dell’attività agricola e dei contributi agli investimenti attraverso l’attivazione obbligatoria della Sottomisura 4.1 “Sostegno agli investimenti alle aziende agricole”.
    BENEFICIARI: giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda e che presentano un piano di investimenti per il miglioramento strutturale dell’azienda.
    REQUISITI SOGGETTIVI:a. Età compresa tra 18 anni compiuti e 41 anni non ancora compiuti; b. Possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate.  In mancanza del requisito di possesso di qualifiche e competenze professionali adeguate, viene accordato un periodo di proroga fino a 36 mesi. c. Insediamento per la prima volta in azienda in qualità di capo.
    PROGETTI FINANZIABILI: - ai sensi della sottomisura 6.1, sotto forma di premio forfettario pari a € 50.000, per l’avviamento dell’attività imprenditoriale da parte del giovane agricoltore;  - ai sensi della sottomisura 4.1, sottoforma di contributo in conto capitale per la realizzazione degli interventi di miglioramento aziendale.
    CONTRIBUTO: in conto capitale nella percentuale del 50% degli investimenti riconosciuti ammissibili per le aziende ricadenti in zone non svantaggiate e del 70% per quelle ricadenti in zone con svantaggi naturali. L’investimento massimo ammissibile per azienda (IVA esclusa, ma comprese le spese generali), è fissato in € 1.200.000 per l’intera durata del PSR. Il contributo
    per singolo progetto non può essere comunque superiore a € 500.000 o inferiore a investimento di 50.000 euro.

    REQUISITI OGGETTIVI: a. Dimensione economica dell’azienda compresa tra 15.000 e 200.000 euro; b. Presentazione di un business plan; c. Cantierabilità del progetto; d. Disponibilità giuridica dei terreni.

    DOMANDE: dalle ore 10 del 16 gennaio 2017 al 15 febbraio 2017.

    Chiedi Informazioni

     

  • Sardegna:Agricoltura, la Commissione Europea approva il PSR 2014-2020 della Regione Sardegna

    psr sardegnaLa Commissione Europea con Decisione di esecuzione C(2015) 5893 ha approvato il Programma di sviluppo rurale della Regione Sardegna per il periodo di programmazione 2014-2020.

    PSR 2014-2020: il PSR è lo strumento di programmazione della politica di sviluppo rurale finanziata dal FEASR, che definisce, in coerenza con gli obiettivi della strategia Europa 2020, l'Accordo di Partenariato nazionale e i Programmi nazionali (PSRN), gli interventi regionali per il periodo di programmazione 2014/2020.

    Il Programma è articolato in base a sei Priorità generali, con relativi "settori d'interesse" (Focus Area) più specifici, che riguardano: promuovere il trasferimento di conoscenze e l'innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali (priorità orizzontale), potenziare la competitività dell'agricoltura in tutte le sue forme e la redditività delle aziende agricole, promuovere l'organizzazione della filiera agroalimentare e la gestione dei rischi nel settore agricolo, preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi dipendenti dall'agricoltura e dalle foreste, incentivare l'uso efficiente delle risorse e il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale, adoperarsi per l'inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.

    Le risorse finanziarie a disposizione del PSR Sardegna 2014/2020, per i sette anni di programmazione, sono  pari a 1.308.406.250 euro. (per maggiori informazioni)

RICERCA CONTRIBUTI

ricerca contributi

SARDEGNA MICROCREDITO 2018

SARDEGNA MICROCREDITO 2018

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

CHIEDI.APPUNTAMENTO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

SEI UN PROFESSIONISTA ESPERTO? COLLABORA CON NOI.

COLLABORA CON NOI PIANO 2018

NO PROFIT IMPRESE SOCIALI, ONLUS

MISE ECONOMIA SOCIALE

ABBONAMENTO

ABBONATI

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

BANDO TERRITORIALE GALLURA

sardegna bando territoriale gallura

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

NUOVI CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0

SEI UN PROFESSIONISTA? TI INTERESSA LA FINANZA AGEVOLATA? SCOPRI L'AFFILIAZIONE IN FRANCHISING

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

SARDEGNA PSR TUTTI I BANDI APERTI

SARDEGNA SOSTEGNO PSR TUTTI I BANDI APERTI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

NUOVA SABATINI TER 2017-2018

NUOVA SABATINI 2017 2018

AUTOTRASPORTO MERCI CONTRIBUTI 2017

autotrasporto 2017

CCIAA SASSARI PARTECIPAZIONE FIERE E MOSTRE

sassari fiere e mostre

CONTRATTI DI INVESTIMENTO T4

SARDEGNA PROGETTI DI SVILUPPO CONTRATTI DI INVESTIMENTO T 4

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

SARDEGNA MUTUO PRIMA CASA

SARDEGNA PRIMA CASA

BANDO TERRITORIALE OGLIASTRA

sardegna bando territoriale ogliastra

INVITALIA SMART & START

Finanziamenti a Tasso Zero
fino a 1.500.000
IN ARRIVO

SMART.E.START.250

Chiedi informazioni

 

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

AIUTI ALLE NUOVE IMPRESE T1 E T2

SARDEGNA AIUTI ALLE NUOVE IMPRESE T1 E T2

NUOVO PIANO PER LE IMPRESE

SARDEGNA NUOVO PIANO PER LE IMPRESE

INVITALIA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

AIUTI PER PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

AIUTI PER PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

INVITALIA SELFIEMPLOYMENT

selfiempliement.Giovani.fino.29.anni

PIÙ TURISMO PIÙ LAVORO

sardegna più turismo più lavoro 2017

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI?

ABBONAMENTO XABBONATI

Aiuti per progetti di ricerca e sviluppo

AIUTI PER PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

INCENTIVO OCCUPAZIONE SUD

incentivo occupazione sud

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

Iscriviti alla Newsletter gratuita

Sviluppo Cooperative

sviluppo cooperative in Sardegna

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

RICERCA E SVILUPPO

sardegna ricerca e sviluppo

Cooperative Sociali

Sardegna cooperative sociali di tipo b

CREDITO DI IMPOSTA 45%

credito di imposta sud 45

 

BIOMED

SARDEGNA BIOMED

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

PIANO SULCIS

Iper e Super Ammortamento

IPER E SUPER AMMORTAMENTO

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

Iscriviti alla Newsletter gratuita

VOUCHER STARTUP

VAUCHER STARTUP.250 2

SERVIZI PER L'INNOVAZIONE

SARDEGNA.RICERCHE Servizi per lInnovazione nelle MPMI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

Iscriviti alla Newsletter gratuita

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONII

RICHIEDI INFORMAZIONI

CERCA

Internazionalizzazione: Programmi di inserimento sui mercati esteri

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SUPERAMMORTAMENTO 140%

super.ammortamento.140 2016

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOBANI IN AGRICOLTURA

NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI

finanziamenti a tasso zero

fino a 1.500.000

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250

Chiedi informazioni

 

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

FONDI EUROPEI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE
fino a 12.500.000 euro

 

FONDI BEI

FONDI.BEI

PER LE IMPRESE ITALIANE

Chiedi informazioni

 

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

BDM Finanziamenti Agevolati con garanzia MCC

CONCORSI E PREMI

concorsi.e.preni.italia

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI

ALTRE REGIONI

VI INTERESSANO I CONTRIBUTI PER LE ALTRE REGIONI?

logo italia contributi

CLICCA E VEDI LE ALTRE REGIONI

 

Promozione nei Mercati Esteri

SARDEGNA.POR.PROMOZIONE.MERCATI.ESTERI.2

SARDEGNA.POR.PROMOZIONE.MERCATI.ESTERI.250

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Iscriviti alla Newsletter

CERCA

SEI UN PROFESSIONISTA? TI INTERESSA LA FINANZA AGEVOLATA? SCOPRI L'AFFILIAZIONE IN FRANCHISING

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

SEI UN PROFESSIONISTA ESPERTO? COLLABORA CON NOI

COLLABORA CON NOI PIANO 2018